Casella di testo:

 

 

 

 

                      Albergo - ristorante Tel. fax: 0523/910158

                      info@albergocappelletta.it

La Cappelletta

web site

Sezione Country/ Trekking/ Mountain Bike

Casella di testo: http://www.provincia.pc.it/turismo/

L’albergo Cappelletta è situato in posizione panoramica a m. 1037 è immerso in una pineta; ottimo punto di partenza per passeggiate in tranquillità o itinerari di trekking.
Demo Dynamic HTML: esempio pratico
Aggiungi a preferiti
Demo Dynamic HTML: esempio pratico
Inizialiazzazione demo

Numeri  utili

 

CNSAS Numero Verde Emilia Romagna: 800 848088

Emergenza Sanitaria: 118

Capo Stazione Piacenza (Soccorso Alpino),  Sig.   Olcese Stefano 0523 616385

Veduta aerea della Cappelletta, dell’albergo e delle sue pertinenze

Percorsi immersi nel verde della natura...

Casella di testo: Cappelletta Story
Casella di testo: Albergo. Stanze e prezzi
Casella di testo: Country/Riding/ Mountain bike
Casella di testo: Il ristorante e la ricetta tipica
Casella di testo: Informazioni ed indirizzi utili
Casella di testo: Link

DESCRIZIONE:

 

Scendere lungo la strada provinciale in direzione Pradovera, quindi iniziare la salita e, una volta lasciato l’asfalto, proseguire verso il “crocevia di S. Barbara” svoltando a sinistra lungo la strada in salita immersa nei pascoli sino alla “sella dei generali”. Qui inizia l’entusiasmante discesa verso il paesino di Mareto dove, poco prima del cimitero, si svolta  a destra ritornando sull’asfalto. Dopo circa quattro chilometri svoltare a sinistra in direzione Cogno San Bassano. Qui un falsopiano tra i boschi vi porterà sotto la millenaria torre di avvistamento dei conti Nielli e poi di nuovo a sinistra per ritornare al Passo della Cappelletta.

Casella di testo: Per informazioni aggiuntive la carta escursionistica dettagliata è in vendita nelle edicole. Euro 6

PERCORSI IN MTB IMMERSI NEL VERDE

Demo Dynamic HTML: esempio pratico
Casella di testo: Una freccia color granito indica il livello di difficoltà.  Il verde segnala un percorso facile,  il giallo uno di media difficoltà, il rosso un percorso difficile
Casella di testo: 2) Il marrone indica la presenza di sterrato;

FONDO :

DISTANZA : 28 KM circa

DIFFICOLTA’: medio – bassa

Percorso 1 : Cappelletta — Sella dei Generali —  Cappelletta

Casella di testo:                            Legenda difficoltà:
Casella di testo:                         Caratteristiche del fondo stradale:

1)  Il colore grigio segnala la presenza di strada asfaltata;

Nota bene:                            

 

l’alternanza dei due colori,  nei vari tipi di percorsi proposti, sta ad indicare la sequenza di strade asfaltate e di sterrato.

Percorso 2 : Cappelletta — Val Perino — Osero—Cappelletta

DISTANZA : 31 KM circa

DIFFICOLTA’: medio – alta

FONDO :

DESCRIZIONE:

 

Partendo da Cappelletta, salire lungo la mulattiera verso il Monte Osero. Dopo 500 metri circa, svoltare a sinistra lungo un sentiero tra i faggeti che vi porterà in località “Quercia”. Seguendo la strada, dopo circa 1 Km, troverete il bivio per la valle dell’Alto Perino che vi porterà verso Cadenzano passando per l’antico mulino e costeggiando le suggestive cascate che il Rio Perino affronta in questo tratto. Lasciato Cadenzano, continuate verso l’abitato di Leggio dove troverete qualche Km di strada asfaltata fino ad arrivare al Passo del Cerro. Da qui si segue il segnavia 001 della famosa “lunga marcia” del G.A.E.P. (segnaletica permanentecon strisce bianco/rosse o il vecchio pallino giallo su sassi e supporti). Dopo oltre 550 metri di dislivello raggiungerete i pascoli del crinale del Monte Osero a metri 1235. (Vi suggeriamo la salita a destra verso la sommità del monte a metri 1304 dove potrete godere di una delle viste più suggestive di tutto l’Appennino Piacentino). Ora vi aspetta l’emozionante discesa sulla pietraia, di ritorno verso Cappelletta.

PERCORSI IN MTB IMMERSI NEL VERDE

Percorso 3 : Cappelletta — Farini—Cappelletta

Sterrato

Casella di testo: Asfalto

Sterrato

DISTANZA : 26 KM circa

DIFFICOLTA’: medio – alta

Sterrato

Casella di testo:
Casella di testo: Asfalto
Casella di testo:

FONDO :

DESCRIZIONE:

 

All’ombra della pineta, subito dopo la chiesetta, svoltare a destra (lasciando così l’asfalto), percorrendo l’entusiasmante discesa che, attraverso le profumate conifere, porta al paesino di Frodolo; Nuovamente sull’asfalto, girare a sinistra per collegarsi in breve alle case di Blucchi. Da qui sulla destra, indicato anche dai segnali gialli dell’Alta Emilia, infilare il lungo tratturo che, attraverso campi e pascoli, scende fino al paesino di Poggioli, raggiunte le cui case, si trasforma, sempre a destra della strada, in un single trek che, attraversando un paio di rivi che bagnano un po’ il fondo, porta infine al campeggio e poi all’abitato di Farini. (quest’ultima parte dell’itinerario, alquanto impegnativa, è evitabile se, giunti a Poggioli, si prosegue su strada asfaltata). Una volta giunti a Farini imboccare la strada che porta a Mareto , percorrendo 10 Km di salita costante su asfalto (è possibile un’interessante variante “off road” che passando per Vigonzano e nei pressi della vecchia miniera di calcopirite, si ricongiunge poi all’altezza di Vediceto). Arrivati a Mareto, si superano le case fino a raggiungere il cimitero; a questo punto si svolta a sinistra per seguire lo sterrato che è anche segnato con i bolli bianco-rossi del CAI. Qui la salita si fa un po’ più impegnativa e costante. Superato l’attacco del sentiero sulla sinistra che porta al Monte Aserei, fare attenzione alla prima deviazione che scende invece sulla destra, ove si vedono i bolli del sentiero 001 del CAI (segnaletica permanente con strisce bianco/rosse o il vecchio pallino giallo su sassi e supporti). Dopo un primo divertente tratto di discesa (seguire sempre i bolli), ci si immette sulla via, prima asfaltata e poi sterrata, che lungo la pianeggiante “costalta” da campagna conduce fino al Passo della Cappelletta.

Gratis, free, tranquillità, natura, aria buona

Casella di testo: I CONSIGLI DELL’ESPERTO:

E’ fondamentale per chi frequenta la montagna o pratica la speleologia seguire poche regole elementari:

 

· non andare mai soli, ma sempre in compagnia

· avere un abbigliamento idoneo ad affrontare repentini cambiamenti del tempo

· avere con sé strumenti atti a richiedere un eventuale soccorso (telefono cellulare)

· lasciare sempre precise indicazioni riguardo gli itinerari che si vuole seguire

· informarsi sui numeri di telefono del soccorso operante nella zona

· consultare le previsioni meteorologiche

· saper rinunciare quando le condizioni non sono ottimali

· in caso di necessità chiamare subito il Soccorso Alpino

 

Tratto da www.SAER-PC.libertaonline.it